Benvenuto in Nuova Stagione

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui  

Stampa

Statuto e Regolamento Comunale

Scritto da La Nuova Stagione on . Postato in Ultime

Sul sito ufficiale del comune di Parona è presente l'icona del regolamento comunale ma non è abilitata la funzione per consultarlo o salvarlo. Abbiamo ritenuto opportuno convertire in formato testo le pagine grafiche fotocopiate ai tempi dai consiglieri comunale. Anche se controllato scrupolosamente, potrebbe essere sfuggito qualche errore ortografico rispetto all'originale.

Statuto Comunale di Parona Lomellina (PDF 145 KB)

Regolamento Comunale (PDF 124 KB)

D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 (PDF 432 KB)

 

Il Regolamento e lo Statuto Comunale sono stati approvati con diverse votazioni a maggioranza relativa anziché con una maggioranza qualificata che prevede i due terzi dei consiglieri. La Nuova Stagione non li considera come massima garanzia democratica specialmente per le minoranze e le opposizioni. Un consigliere ha il diritto di cambiare gruppo qualora quello di appartenenza non rispetta i principi o i programmi elettorali. In questo caso può diventare come singolo esponente, Capo Gruppo di una nuova formazione politica che si costituisce o può rappresentare un partito politico. Concedere 5 minuti per replicare alle interpellanze è un tempo ridicolo, avere 4 assessori in un paese di soli 2000 abitanti è un eccesso ingiustificato. Tutti i Consiglieri Comunali dovrebbero avere il diritto di partecipare alle sedute delle commissioni. Il regolamento non consente nemmeno di presentare emendamenti alle mozioni. Chi governa e concede più garanzie alle minoranze o alle opposizione dimostra di essere trasparente non solo nei confronti degli avversari politici ma verso i cittadini. Nel caso i cittadini ripongano in noi la loro fiducia, modificheremo lo statuto per permettere loro di presentare istanze di interesse collettivo direttamente in consiglio comunale, consentendo a loro di intervenire nella discussione.