Benvenuto in Nuova Stagione

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui  

Stampa

Discarica ceneri dell'Inceneritore

Scritto da La Nuova Stagione on . Postato in Ultime

 
la Provincia Pavese - 24 settembre 2006
La discarica scopre le carte
GALLIAVOLA. Il progetto dell’impianto per lo smaltimento delle ceneri del termodistruttore è stato presentato al consiglio comunale. L’altra sera il sindaco Luigi Borlone ha presentato l’ingegner Claudio Tedesi, direttore generale di Asm Vigevano e Lomellina spa, la società che vorrebbe stoccare i residui dell’incenerimento dei rifiuti in un’ex cava a pochi metri dal torrente Agogna. «Non c’è pericolo per l’ambiente: inoltre, i cittadini di Galliavola avranno una corsia preferenziale per l’assunzione nel nuovo impianto», ha garantito Tedesi. Al momento di presentare il progetto alcuni ambientalisti locali, con altri dei comitati di Parona e di Valle-Lomello, sono stati invitati a uscire dall’aula consiliare. L’ultimo punto all’ordine del giorno prevedeva la consegna del progetto ai consiglieri comunali. Il sindaco ha fatto entrare Tedesi e ha invitato i comitati ambientalisti ad abbandonare l’aula. «Prima vorremmo che il progetto sia illustrato ai cittadini di Galliavola, che saranno chiamati in municipio in vari gruppi a partire da martedì - spiega Borlone -. Ribadisco per l’ennesima volta che il Comune non si è ancora espresso: chiameremo alcuni tecnici ed esperti, anche dell’Università di Pavia, per capire meglio di che cosa si tratta. Respingo con forza anche le accuse di “leggerezza”. La giunta è molto attenta alla salute dei cittadini e alla tutela dell’ambiente». In consiglio comunale Tedesi ha ripercorso i punti principali del progetto di fronte alla maggioranza e all’opposizione, composta dall’ex sindaco Giovanni Broglia, Giovanni Longo e Carlo Carrera. «Non abbiamo voluto escludere i comitati ambientalisti, ma ribadisco che prima deve essere informata la popolazione di Galliavola, poi il resto della Lomellina - aggiunge Borlone -. Per questo motivo la giunta ha organizzato una serie di incontri fra la cittadinanza e i tecnici di Asm Vigevano, che saranno nella nostra sala polifunzionale anche giovedì e poi nella prima settimana di ottobre». Il clima si è acceso dopo che a Galliavola è sorto un comitato anti-discarica, che ha già raccolto più di 100 firme e che venerdì sera era presente in aula. Il neonato gruppo di cittadini che si batte contro il progettato impianto è presieduto da Loredana Longo. Umberto De Agostino