Benvenuto in Nuova Stagione

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui  

Stampa

Discarica ceneri dell'Inceneritore

Scritto da La Nuova Stagione on . Postato in Ultime


 
la Provincia Pavese - 27 novembre 2008
 
Galliavola contro la discarica
GALLIAVOLA. Viene da Loredana Longo, presidente dell’Unione dei Comitati Ambientali della Lomellina, l’ultimo attacco in ordine di tempo contro il progetto della discarica di ceneri del «termo» di Parona nel territorio di Galliavola. Longo, tra le animatrici del sit-in anti progetto organizzato dalla Lega Nord nella piazza di Mede, afferma: «Qualunque iniziativa contro la possibile realizzazione di una discarica per le ceneri ci trova favorevoli, indipendentemente dal colore politico dei promotori». Ma chi mancava all’appello? Così Loredana Longo: «Anche stavolta sono mancati proprio i membri delle amministrazioni di Galliavola e di Lomello, i primi che dovrebbero scendere in campo contro la realizzazione dei progetti contrastati dal presidio che la Lega Nord ha voluto attuare, presenti anche il parlamentare Mura, il consigliere regionale Demartini, i sindaci Guardamagna e Lambri». «Per quanto riguarda il nostro comitato - aggiunge la portavoce locale - siamo delusi dal comportamento del sindaco di Galliavola che non solo ha trascurato di risponderci, ma ci ha escluso dalla commissione che dovrà valutare l’insediamento dell’impianto di stoccaggio. Tutto ciò nonostante continui a sostenere di essere contrario all’impianto e di volere un dialogo proficuo e costruttivo con no dei comitati spontanei». E ancora: «Siamo perplessi anche per gli ultimi avvenimenti che hanno portato alla sfiducia dei tre consiglieri di maggioranza che fin dall’inizio si sono dichiaratati fortemente contrari alla realizzazione del sito ed, in particolar modo, l’esclusione dell’assessore Franzinu dalla commissione». (p.c.)