Benvenuto in Nuova Stagione

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui  

Stampa

Discarica ceneri dell'Inceneritore

Scritto da La Nuova Stagione on . Postato in Ultime


 
la Provincia Pavese - 25 ottobre 2008
Ceneri e scarti nella cava

 

GALLIAVOLA. Là dove Asm Isa di Vigevano vorrebbe realizzare una discarica di 581mila metri cubi ora non c’è nulla. O meglio, c’è una cava di inerti. Stando a quanto Asm ha proposto a Regione e Provincia, l’impianto dovrebbe stoccare ceneri, rifiuti che non vengono differenziati e che non possono essere nè bruciati, nè utilizzati, ma anche gli ingombranti. Scarti provenienti da tutta la provincia. Ma non solo. Galliavola, in Lomellina, infatti è vicina a Parona. E in quest’ultimo centro che si bruciano scarti su scarti, per la precisione 200mila tonnellate in un anno. Termovalorizzatori (attualmente ancora fermi per un guasto) che occupano una superficie di 55mila metri quadrati e che producano 111.289 Mw di energia elettrica. Parona brucia rifiuti che non sono solo made in Pavia, ma anche importati da altre zone, prima di tutto da Milano. Dunque la discarica di Galliavola potrebbe giocare un ruolo importante anche per i rifiuti non pavesi. Ricordiamo che nel 2006 l’ipotesi di una discarica per le ceneri a Galliavola era stata bloccata dalla commissione Ambiente della Regione.