Benvenuto in Nuova Stagione

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui  

Stampa

Discarica ceneri dell'Inceneritore

Scritto da La Nuova Stagione on . Postato in Ultime

 
la Provincia Pavese - 11 maggio 2008
Ci conoscevano per il riso Ora siamo la terra dei rifiuti
 

 

LOMELLO.«Lo diciamo da tempo: da terra del riso, la Lomellina sta diventando terra del rudo». Il vigevanese Leonardo Ciliesa, coordinatore del’Unione dei comitati ambientalisti della Lomellina, utilizza lo slogan più noto per denunciare la puzza di questi giorni. Ieri mattina, anche Ciliesa era in piazza con Patrizia Berti e gli altri volontari di “Noi oggi per domani”. «L’aria che respiriamo, le verdure dei nostri orti, l’acqua che beviamo e il territorio in cui viviamo sono minacciati da impianti e comportamenti che possono danneggiare l’ambiente in vario modo - commenta Ciliesa, da anni in prima fila perl’ambiente - E’ un nostro preciso dovere quindi difendere la nostra salute, e quella dei nostri figli, salvaguardando il territorio in cui tutti noi viviamo». In tre anni di attività il comitato “Noi oggi per domani” di Lomello e Valle ha raggiunto l’obiettivo di far effettuare delle analisi chimiche sui terreni che circondano l’area industriale di Lomello. Il monitoraggio è stato affidato appunto all’istituto “Mario Negri” di Milano. «Inoltre - sottolineano gli ambientalisti - abbiamo inoltrato un ricorso al Tar della Regione, per far annullare l’autorizzazione all’insediamento del gassificatore di cascina Grua, sostenendone le spese legali». Si tratta di «piccoli passi che senza il comitato non si sarebbero fatti. Ora dobbiamo continuare: per esempio, combattendo contro il progetto della discarica delle ceneri del termodistruttore a Galliavola». Un progetto che resta in valutazione - è notizia dei giorni scorsi - nonostante la vicinanza alla Garzaia di Gallia, compresa in una zona di alto pregio ambientale. Umberto De Agostino