Benvenuto in Nuova Stagione

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui  

Stampa

Discarica ceneri dell'Inceneritore

Scritto da La Nuova Stagione on . Postato in Ultime

 
la Provincia Pavese - 04 maggio 2008
Rifiuti, via dal Clir

 

GALLIAVOLA. Galliavola è il quinto Comune lomellino, dopo Vigevano, Garlasco, Tromello e Borgo San Siro, che dice addio al Clir e si affida ad Asm-Isa Vigevano per la raccolta-rifiuti. In consiglio comunale, l’uscita dalla società di Mortara, in cui Galliavola deteneva 427 quote (0.12%), è stata approvata solo dalla maggioranza del sindaco Luigi Borlone: astenuta l’opposizione guidata da Giovanni Broglia. «Ero stanco di partecipare ad assemblee in cui il Clir continua a rinviare i vari argomenti: Asm-Isa ha avanzato una proposta concreta, indirizzata al risparmio - commenta Borlone -. Abbiamo ricevuto un progetto che prevede una riduzione dei costi già a partire dal prossimo anno e un potenziamento della raccolta differenziata, che il Clir non aveva voluto attuare». Dal 1 luglio prossimo il servizio di raccolta dei rifiuti passerà all’azienda ducale, che già oggi gestisce il ciclo idrico integrato del paese di 250 abitanti. L’accordo con Asm-Isa per i rifiuti non implica, però, alcun accordo per la discarica delle ceneri del termodistruttore di Parona, progettata da Asm Vigevano spa proprio a Galliavola.