Benvenuto in Nuova Stagione

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui  

Stampa

Banda Larga a Parona

Scritto da Renato Soffritti on . Postato in Ultime

Diamo una buona notizia: Venerdi 13 Gennaio 2012 per Parona è stato un giorno fortunato, la Telecom ha portato l'ADSL e da quel giorno si NAVIGA alla GRANDE !!!

Fai la Verifica della Copertura ADSL sia sull'utenza Residenziale che Business

Questo è stato il test su una linea appena attivata

Test velocità linea ADSL

 

 


 

 

Chi ha amministrato Parona nell’ultimo decennio si è interessato molto nell’insediamento di industrie ad alto impatto ambientale ma poco ai problemi del cittadino quali ad esempio le nuove tecnologie o Internet. Tanti soldi entrati con gli introiti dell’Inceneritore e ritornati alle industrie tramite le grandi opere per fare circolare i mezzi pesanti che congestionavano il paese, non una lira spesa per questi servizi. Conoscendo la furbizia di chi amministra oggi il nostro paese, pubblichiamo la lista dei Comuni che probabilmente saranno interessati a questo progetto grazie ad un finanziamento regionale. Questo per evitare che si auto-attribuiscano un domani dei meriti che non hanno.

 

dal Forum della Provincia di Pavia

Link della fonte

 

Testo della domanda: Egr. dott. Poma, leggo su "Il settimanale Pavese" la notizia che entro l'estate partiranno i lavori di posa in opera della fibra ottica per la banda larga che interesserà ben 29 comuni della ns. provincia. Ora Le chiedo, è possibile sapere quali saranno questi comuni? La mia non è una semplice curiosità, ma da un paio d'anni volendo acquistare una nuova casa fuori Pavia mi sono scontrata con la triste realtà di una quasi totale mancanza di copertura ADSL nei paesi limitrofi e oggi veramente se non hai internet sei fuori dal mondo. La ringrazio per una Sua, se possibile, risposta e porgo distinti saluti.

 

Testo della risposta: I 35 Comuni interessati dalla banda larga sono Arena Po, Badia Pavese, Bascapè, Bornasco, Bosnasco, Chignolo Po, Cilavegna, Galliavola, Lomello, Miradolo, Montescano, Montù Beccaria, Ottobiano, Palestro, Parona, Pieve Albignola, Pieve del Cairo, Pieve Porto Morone, Roncaro, San Damiano al Colle, Santa Maria della Versa, Sant'Alessio, Torrevecchia Pia, Valeggio, Valle Lomellina, Vellezzo Bellini, Zavattarello, Zenevredo, Zinasco, Albuzzano, Canneto, Cura Carpigano, Lardirago, Romagnese, Zeccone.

Per i primi 29 Comuni la copertura dovrebbe essere garantita attorno al 90%, mentre per i restanti 6 dovrebbe essere compresa tra l'80% e il 90%.

La realizzazione dell'infrastruttura di rete sarà in grado di garantire una rapida connessione ad internet per una popolazione di circa 57.000 cittadini del nostro territorio, andando a recuperare il deficit di connettività delle nostre zone.

La preciso che la scelta di questi Comuni risponde a precise valutazioni di ordine tecnico.

Cordialmente.

Internet veloce per altri 35 Comuni

la Provincia Pavese — 15 luglio 2009 pagina 17 sezione: CRONACA

di Donatella Zorzetto PAVIA. Internet veloce entra in provincia di Pavia. Grazie a un finanziamento regionale di poco più di 5 milioni di euro sarà costruita una tratta in fibra ottica che consentirà entro un anno di informatizzare altri 35 Comuni del territorio. Il progetto è della Provincia. Da fanalino di coda, il territorio pavese potrebbe trasformarsi in primo attore. «Più volte abbiamo ricevuto lamentele per la scarsa informatizzazione della provincia - ha sottolineato l’assessore Italo Richichi -. Ora siamo in grado di dare una risposta a questa esigenza, coprendo 23 Comuni, anche se “l’effetto” dell’operazione si estenderà a 35». I lavori inizieranno a settembre. Ad occuparsene sarà la società Infratel, società di scopo interamente pubblica perchè emanazione del ministero dell’Economia, che ha come obiettivo la posa della banda larga. In particolare si prevede la costruzione di una tratta in fibra ottica lunga 140 chilometri. Tecnicamente la tratta collega una rete in fibra che già esiste lungo una dorsale extraurbana, a centraline telefoniche non raggiunte dalla rete a larga banda, generalmente costituite da tratte di tubazioni esistenti intervallate da infrastrutture di nuova realizzazione. «Questa è un’occasione storica perchè per la prima volta in provincia arrivano risorse significative per recuperare il divario digitale e per la posa della fibra ottica - ha sottolineato il presidente della Provincia, Vittorio Poma -. Lo scorso anno avevamo preso atto delle lamentele avanzate dai Comuni. Ma in quell’occasione ci trovavamo di fronte alla possibilità di accedere a intese, che poi sono state siglate, proprio per raggiungere questo obiettivo. A seguito di quegli accordi erano state stanziate le prime risorse, e noi avevamo beneficiato di un contributo di 500mila euro. In seguito si era deciso di aspettare un’integrazione. Successivamente sono stati garantiti altri 20 milioni di euro e la Provincia di Pavia ha concorso con un progetto elaborato dagli uffici». «Il progetto è piaciuto alla Regione - ha proseguito Poma -, tanto da decidere di assegnarci 5.055.361 euro. Per questo siamo grati alla Regione. Cosa faremo con questi soldi? A seguito di un’intesa con Infratel saremo in grado di garantire Internet veloce a 57mila pavesi. Dopo questo primo intervento, i cui lavori inizieranno a settembre e termineranno il prossimo anno, che comporta un taglio della strada e la costruzione di una mini-trincea per la posa dei cavi, si potrà pensare ad un ulteriore infrastrutturazione della rete. L’obiettivo finale è quello di arrivare alla copertura di 100 Comuni. Il secondo bando sarà emesso a settembre, il completamento della rete può essere ipotizzata per il 2011». Ciò che la Provincia ha intenzione di fare, parallelamente alla posa delle fibre ottiche, è un monitoraggio tra i Comuni del territorio per acquisire la certezza di quanto e dove il servizio di Internet veloce sia già attivo. Attualmente, da quanto risulta, è servito meno di un quinto dei Comuni del territorio. Richichi conclude: «Il nostro progetto può dare una prima risposta in previsione del Protocollo federato».