Benvenuto in Nuova Stagione

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui  

Stampa

Rassegna Stampa Inquinamento 2013

Scritto da Nuova Stagione on . Postato in Ultime

 

Ecologisti pronti a invadere Parona

03 aprile 2013 —   pagina 67   sezione: Nazionale

Ecologisti pronti a invadere Parona con la comunità Internet Anoymous, famosa per le proteste pacifiche contro la finanza selvaggia e contro l’inquinamento. Questura e polizia locale sono in allarme per la manifestazione annunciata.

PARONA I membri della comunità di internet "Anoymous", diventata famosa in tutto il mondo per le proteste pacifiche contro grandi temi tra cui la finanza selvaggia e l'inquinamento, sono pronti ad invadere Parona domenica pomeriggio. Questura e polizia locale sono già in allarme per questa manifestazione, che è in fase di organizzazione su internet tramite il tam-tam su Facebook, Twitter e il blog di Anoymous Italia, ed al momento non ha l'autorizzazione. Lo scopo degli utenti di Anoymous è quello di protestare contro l'inquinamento a Parona con un corteo pacifico che attraverserà il paese guidato da Silvano Colli durante la sagra "Parona Tera Bona". Nel pomeriggio di domenica alle 14 gli utenti che sposano i concetti di Anonymous si troveranno all'incrocio tra via della Miseria e la provinciale 101 (quella che porta verso la zona industriale e il supermercato Bennet) e da lì marceranno verso il centro fin sotto il municipio. Nella presentazione dell'evento gli organizzatori hanno pubblicato anche delle scansioni di esami clinici che dicono di aver ricevuto da utenti di Parona e dintorni malati di cancro. Malattia che sarebbe accorsa per gli effetti dell'inquinamento. «Non vogliamo che Parona diventi un'altra Casale Monferrato» sottolineano alcuni utenti che hanno dichiarato di partecipare all'evento. Il riferimento è alla vicenda dell'inquinamento prodotto dalla fabbrica Eternit, che era presente sia a Casale Monferrato che a Broni, che ha causato centinaia di vittima per mesotelioma, una forma aggressiva di tumore ai polmoni causato proprio dalle polveri di amianto della Eternit, i cui dirigenti sono stati condannati al carcere negli scorsi mesi a Torino per omicidio colposo. E a Parona la situazione dell'aria nei prii tre mesi del 2013 sono è stata certo felice. La particella inquinante Pm10 ha superato il limite di 50 milligrammi per metro cubo ben 40 volte dal 1°gennaio al 24 marzo. Più di Torino e Firenze: il massimo di sforamenti annuali previsti dalla legge è di 35. A Parona, se il trend di inizio 2013 andrà avanti, si sfonderà quota 100 superamenti del limite. Sandro Barberis