Benvenuto in Nuova Stagione

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui  

Stampa

Rassegna Stampa Inquinamento 2013

Scritto da Nuova Stagione on . Postato in Ultime

 La minoranza critica il Pgt «Dati inattendibili»

17 dicembre 2013 —   pagina 28   sezione: Voghera

PARONA Tutto quello che non va del nuovo Piano di governo del territorio. Le minoranze Parona viva e Parona giovane hanno diffuso un volantino che passa alla lente d’ingrandimento il documento urbanistico che sarà presentato alla cittadinanza domani, alle 17, in aula consiliare. I gruppi guidati da Luca Trovati e da Donatella Marzetto individuano diversi «errori macroscopici». «I dati sono stati recuperati da statistiche vecchie, utilizzate con dati recenti e che quindi danno una visione distorta – spiegano – Il censimento 2001 parla di occupazione record, mentre oggi Parona è al terzo posto in provincia per tasso di disoccupazione. Inoltre, per l’inquinamento sono riportate ad arte rilevazioni del Pm10 eseguite nei mesi estivi, notoriamente i valori più bassi dell’anno. La realtà, purtroppo, è che nel 2011 sono stati rilevati ben 96 superamenti giornalieri contro i 35 ammessi dalla legge». Nei documenti, inoltre, si riporta il problema dell’eccessivo consumo di suolo, ma si prevedono 160mila metri quadrati di aree produttive. «Noi chiediamo la fine dell’utilizzo del suolo – aggiungono – A fronte di circa 400mila metri quadrati di aree residenziali, ce ne sono circa un milione di produttive». Le minoranze, infine, rifiutano supermercati nel centro abitato, nuove strade urbane, «che danneggiano le proprietà private con scarsi risultati viabilistici», e vaste aree edificabili o assoggettate a servizio pubblico. Chiedono vincoli per le aree produttive: «Si dovrebbe consentire l’insediamento solo di industrie non inquinanti». Umberto De Agostino